Da Bergamo a Branzi

In “Rivista di Bergamo”, agosto 1932